alla fine lo Shandong conquista Ferretti

[banner align=”alignleft”]

Monte Tai Città di Tai'an Provincia dello Shandong Cinesespresso
Monte Tai, Città di Tai’an, Provincia dello Shandong, uno dei siti della regione più belli da vedere – Foto di See-ming Lee via Flickr distribuito con licenza CC BY 2.0

È di poche ore fa una notizia estremamente rilevante, che merita la dovuta attenzione almeno su questo blog, ovvero: l’azienda romagnola Ferretti, rinomata casa produttrice di yacht di lusso e famosa in tutto il mondo, è stata acquistata dall’azienda capogruppo del colosso Cinese Weichai Power Co Ltd: la Shandong Heavy Industry Group (da qui in poi SHIG), società manifatturiera operante in quattro diversi segmenti di mercato e per questo suddivisa in altrettante filiali, la quale è da poche ore diventata azionista di maggioranza della Ferretti entrando in possesso di una quota pari al 75% delle azioni della società.

La SHIG, produttrice di macchinari agricoli e da costruzione, con più di 20.000 addetti in tutto il territorio Cinese, può vantare un output totale di prodotti pari a circa 19.000 unità all‘anno, con un mercato non solo rappresentato da aziende operanti in Cina, ma anche in tutto il resto dell’Asia e nei paesi Occidentali.

Ci troviamo probabilmente davanti ad un caso analogo a quello dell’acquisto di Volvo da parte di Geely, di un paio di anni fa. Procede, inarrestabile, la “lunga marcia” cinese alla conquista di un know-how che possa finalmente rendere indipendente a livello manifatturiero la nazione e garantire il salto di qualità di cui necessita la Cina per giocare d’anticipo contro la stagnazione economica che si profila per il paese al crescere dei redditi.

I compratori Cinesi si appropriano così di un gioiello dell’industria nautica Italiana. Resta solo un grande quesito: cosa ne sarà dei più di 300 lavoratori? Troppo presto per dirlo, tuttavia un barlume di speranza sussiste ancora, la mission di SHIG è, infatti, “L’alta qualità rende il futuro luminoso” e dove reperirla, allora, se non in uno Stato come l’Italia? Che abbiano di nuovo comprato una schiera di insegnanti?

Ti è piaciuto l’articolo? Per favore, clicca su “Mi piace” e condividilo su Facebook, Twitter o qualsiasi altro social network!

Pubblicato da cinesespresso

Amante della Cina e di tutto quello che la riguarda dal 2005.

2 Risposte a “alla fine lo Shandong conquista Ferretti”

  1. Non solo la Ferretti ma anche la Moto Benelli è da anni di proprietà Cinese. Sembra che i nuovi proprietari “cinesi” stanno rilanciando il marchio “prodotto” senza delocalizzare la fabbrica ma potenziando la professionalità locale Italiana in provincia di Pesaro Urbino.
    ciao da Gio

    1. Ciao, e grazie per lo spunto di riflessione, gli acquisti e le acquisizioni da parte di aziende Cinesi non solo in Europa ma anche qui in Italia sono un argomento sicuramente da approfondire.

I commenti sono chiusi.